Tinta vegetale melograno Durga linea Hennetica La Saponaria

Tinta vegetale melograno Durga linea Hennetica La Saponaria

In questi giorni a Genova si sono abbassate notevolmente le temperature e prima di dover abbandonare i bellissimi colori caldi autunnali che avvolgono la città ti voglio parlare della tinta vegetale melograno Durga linea Hennetica La Saponaria (link al sito ufficiale qui, click!)…
Ti faccio una piccola premessa…
Durante l’autunno 2017, il brand lanciò uno shampoo pre-tinta e sette trattamenti di bellezza per i capelli da scegliere a seconda della propria esigenza…
La particolarità di questi ultimi è il fatto che le erbe tintorie sono coltivate in ambienti incontaminati in India da Phalada secondo i principi dell’agricoltura biologica e del commercio equosolidale
Phalada è un’organizzazione che riunisce numerosi piccoli agricoltori, garantisce a questi una fonte di reddito sicuro ed il fatto di liberarsi dalla dipendenza dai prodotti chimici (fertilizzanti e pesticidi) che sono spesso molto costosi, il tutto mantenendo un’etica che garantisca il rispetto sia dell’uomo che della natura
Le sette tinture non contengono picramato di sodio, ammoniaca, sali metallici e nessun additivo chimico per non danneggiare né la salute né la madre terra e permettono do ottenere una colorazione naturale donando corpo, splendore e brillantezza ai capelli
Il brand specifica che agiscono come dei riflessanti perciò la colorazione e relativa copertura potrebbero essere molto soggettivi…

Capelli prima della tinta vegetale Hennetica La Saponaria

Questa che vedi in foto era la mia colorazione prima di fare il trattamento e, come puoi notare, ai lati della fronte ho una buona quantità di capelli bianchi che iniziano a farsi notare e vorrei mascherare…
La colorazione che ho scelto in base alla mia tonalità di partenza è melograno che è ispirato alla dea guerriera induista Durga che viene raffigurata appunto con una veste rosso fuoco a cavallo di una tigre…
La tinta è composta da polvere di caffè, lawsonia ed indigo ed è certificata cosmetici biologici e vegan
Visto che la mia esperienza in fatto di hennè è già bella consolidata ho utilizzato, come da mia consuetudine, degli accessori in plastica…
Prima di preparare ed applicare la pastella ho letto attentamente la confezione ed ho deciso di attenermi ai consigli del brand senza ricorrere all’aggiunta di eventuali ‘ingredienti facoltativi’ in modo da poter valutare appieno la resa del prodotto…

Impacco di tinta vegetale Hennetica La Saponaria

Procedimento per fare la tinta vegetale melograno Durga linea Hennetica La Saponaria:

MisterDomain.EU

Ho lavato i capelli con uno shampoo bio che non contenesse agenti filmanti ed ho creato la mia pastella mischiando mezza quantità di polvere contenuta nella confezione ed acqua calda q.b. fino ad ottenere un composto liscio, omogeneo e della giusta consistenza
Ho applicato la tinta sulle lunghezze umide con un pennello apposito partendo dalla radice, separandoli con l’aiuto di un pettine ed infine ho raccolto ed avvolto i capelli nella pellicola trasparente in modo da mantenere la testa al caldo e favorire la presa del colore…
Dopo circa 4 ore ho sciacquato la chioma ma ho utilizzato shampoo e balsamo in quanto ne sentivo la necessità e perché l’hennè tende sempre a seccarmi i capelli…
Ho anche fatto l’ultimo risciacquo con acqua fredda per far fissare il colore e chiudere le squame…

Capelli dopo la tinta vegetale Hennetica La Saponaria

Considerazioni finali sulla tinta vegetale melograno Durga linea Hennetica La Saponaria:

Questo qui sopra è il risultato che ho ottenuto dopo aver fatto il trattamento e ahimè, sia i capelli pigmentati che bianchi hanno solamente acquisito un riflesso rossastro che lavaggio dopo lavaggio è andato scemando…
Per questioni logistiche e di tempo non ho tentato di fare una seconda colorazione e devo confessarti che, per le ragioni che ti ho espresso qui sopra, non credo che proverò le altre colorazioni proposte da La Saponaria
Per smaltire il resto della confezione ho sfruttato l’idea dell’impacco sherazade con cui mi trovo molto bene, che sarebbe una maschera nutriente e riflessante che si ottiene miscelando polvere tintoria, acqua calda q.b. e un balsamo dalla formulazione verde…
Questo metodo nasce con l’intento di ravvivare la colorazione dei capelli tra una tinta naturale e l’altra, ha tempi di applicazione molto più ridotti ed effettua un trattamento coccola per le lunghezze che successivamente risulteranno molto più morbide, docili e definite…
In definitiva ti consiglio questa tinta vegetale solo se desideri donare un riflesso ai tuoi capelli se invece hai la necessità di ottenere una copertura maggiore è meglio se ti orienti su altri marchi…
Il prezzo al pubblico della confezione da 100 g di prodotto è circa 8,90…

Che rapporto hai con le colorazioni vegetali?
Hai mai provato i mix tintori de La Saponaria?
A presto!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: