Tre deodoranti a confronto

Bio deodoranti a confronto dettaglio

Quale miglior argomento da trattare in estate, se non la sudorazione?! Per questo motivo oggi ti metto tre bio deodoranti a confronto, tutti accomunati dalla fondamentale presenza del triethyl citrate nelle formulazioni, ingrediente che inibisce la formazione dei cattivi odori abbassando il PH cutaneo entro i valori normali e blocca l’attività enzimatica dei batteri…
Si tratta di prodotti che ho portato a termine nei mesi scorsi su cui mi sono fatta un’idea ben precisa che mi faceva piacere condividere con chi mi legge…

-Deodorante spray all’aloe vera Benecos natural care:

Questo prodotto è confezionato all’interno di un flacone plastico dotato di pratico erogatore spray con tappo di protezione… L’ho ricevuto in omaggio al Sana ma si può trovare facilmente in uno dei tanti punti vendita Naturasì (link al sito ufficiale qui, click!) a circa 5 euro, è certificato BDIH, Vegan, è privo di sali di alluminio e contiene un complesso di sette bio-estratti… Il deodorante si presenta come un liquido trasparente che tende al giallino ed è caratterizzato da una fragranza fresca limonosa… Il suo inci è verde e contiene alcohol, triethyl citrata, glicerina, succo d’aloe vera, profumo naturale da olii essenziali, acido citrico, olio essenziale di lavanda, estratto di bardana, tiglio, rosa canina, sambuco, iperico, ortica, calendula ed olio essenziale di salvia… Le sue caratteristiche sono meritevoli ma purtroppo, dal punto di vista pratico, sul lungo periodo non mi ci sono trovata bene a causa della presenza dell’alcohol all’interno della formulazione infatti, poco dopo averlo vaporizzato, mi ha sempre fatto ‘puzzare’… Ho provato ad interromperne l’utilizzo per riprenderlo a distanza di mesi ma nulla ed alla fine, grazie alla sua profumazione unisex, l’ho ceduto al mio fidanzato che invece lo ha terminato con estrema soddisfazione… E’ stato l’ennesimo tentativo che mi ha riconfermato che la mia cute non si trova bene con l’alcohol;

Bio deodoranti a confronto fronte

-Deo vapo Sensitive alla rosa centifolia Phytorelax laboratoires:

E’ il secondo prodotto che puoi vedere il foto, anch’esso contenuto all’interno di un flacone plastico dotato di erogatore spray e tappo di protezione… L’ho acquistato in un punto vendita delle catene di negozi che vendono prodotti per la casa per circa 5 euro, è certificato ICEA, Vegan ok, è privo di alcohol, sali d’alluminio ed è dermatologicamente testato… Il deodorante si presenta come un liquido lattiginoso caratterizzato da una profumazione talcata e fiorita… Il suo inci è verde e contiene triethyl citrate, glicerina, profumo, estratto di rosa centifolia, gomma xanthana, olio essenziale di ylang-ylang, vitamina e, estratto di stella alpina, olio di semi di girasole, acido lattico ed acido citrico… Fin dal primo utilizzo ne ho adorato la fragranza delicata che sa’ di pulito… Purtroppo, nonostante io abbia osservato i suggerimenti del brand legati alla modalità di utilizzo, sul lungo termine anche questo deodorante non ha svolto a pieno il suo dovereDopo un po’ di ore sentivo un terribile odore di refrescume sulla mia pelle (in dialetto genovese si intende l’odore di acqua stagnante) e pure lui è stato portato a termine dal mio fidanzato che invece, con mio immenso stupore lo ha apprezzato nonostante la profumazione vagamente femminile;

MisterDomain.EU

Bio deodoranti a confronto retro

-Deo spray al riso Beltàbios natural cosmetics:

Ultimo prodotto di cui ti parlo, confezionato sempre in un flacone plastico dotato di erogatore spray, tappo di protezione ed overpack in cartoncino certificato FSC che ho trovato un pochino inutile… L’ho comprato in un punto vendita Basko per circa 5 euro, è vegano, dermatologicamente testato e nickel tested… Questo deodorante ha una consistenza lattiginosa simile al precedente e profuma di pulito… Il suo inci è verde ed è caratterizzato dalla presenza di triethyl citrate, succo d’aloe, olio di riso, profumo, estratto di riso e timo, gomma xanthana, glicerica ed acido lattico… Ti ammetto che ho scelto di portarlo a casa con me perché in quel momento ero a corto di deodoranti ed ho voluto dargli una chances perché mi sono innamorata della sua fragranza che mi ricordava qualcosa ma non capivo cosa… Poi pian piano, dopo varie settimane di utilizzi lodevoli sono riuscita a far mente locale… Mi ci sono sempre trovata così bene, persino con temperature estive, perché la sua formula è composta dagli stessi identici ingredienti del deodorante spray giardino fiorito di Officina Naturae (lanciato per primo e di cui trovi la recensione a questo link, click!)ma disposti semplicemente in ordine differente… Sinceramente questa ‘scoperta’ alla ‘cambiando l’ordine degli addendi il risultato non cambia’ mi ha lasciata un pochino perplessa e mi ha fatto sorgere moltissime domande legate al mondo delle autorizzazioni e supervisioni cosmetiche…

Come hai potuto leggere, mettendo i tre bio deodoranti a confronto, l’unico che mi ha soddisfatto a pieno è quello di Beltàbios, anche se mi ha sollevato tanti dubbi che spero di riuscire a chiarire anche pubblicando questo articolo…

Tu hai mai provato i prodotti che ti ho citato?
Ti è mai capitato di trovare due cosmetici caratterizzati da formulazioni quasi identiche?
A presto!

4 risposte a “Tre deodoranti a confronto”

  1. No non li ho mai provati, l’ ultimo si trova solo al Basko? Buona giornata

    1. Come negozi fisici non saprei indicartene altri ma ho visto che on-line è riventuro da molti e-commerce eco bio, come ad esempio Ecco Verde Altrettanto a te

Feedback

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: