La pelle – cos’è, funzioni e tipologie

La pelle - cos'è, funzioni e tipologie

Oggi voglio inaugurare la sezione TOPICS del blog in cui ho intenzione di inserire una serie di ‘guide’ che ti aiuteranno a capire meglio il magico mondo della cosmesi…
Il primo argomento che affronterò in questo articolo è la pelle – cos’è, funzioni e tipologie
Penso che sia un tema importante perché ognuno di noi dovrebbe sapere come prendersene cura in maniera corretta…
Come l’aspetto esterno della pelle rispecchia lo stato di salute dell’organismo, anche la sua cura è importante per mantenerci in salute…
Ovviamente non sono un medico, questa e tutto il resto delle guide vogliono essere solamente un approfondimento o semplicemente uno spunto di riflessione…

La pelle – cos’è:

La pelle, o cute, è un tessuto composto prevalentemente da acqua e proteine che insieme agli annessi cutanei (unghie, peli e ghiandole sudoripare) forma l’apparato tegumentario che riveste tutto il corpo umano…
A seconda dell’area ha spessori differenti (è più sottile sulle palpebre ed è più spessa sulle piante dei piedi) ed assume aspetti diversi (ad esempio le mucose in corrispondenza delle aperture naturali)…
La pelle è formata da tre strati:

  1. L’epidermide è quello più esterno ricoperto dal film idrolipidico a ph leggermente acido che la rende impermeabile… E’ qui che avviene il turnover cellulare, l’attivazione della melanina e l’avvio delle difese immunitarie contro aggressioni esterne e sostanze indesiderate;
  2. Il derma è lo strato intermedio ricco di vasi sanguigni sostenuti da fibre di collagene in cui sono presenti le ghiandole, i bulbi piliferi, le terminazioni nervose ed i ricettori sensoriali;
  3. L’ipoderma è lo strato più interno in cui è presente il tessuto adiposo che funziona come protezione e sostegno per gli organi, riserva di grassi, energia ed isolamento termico.

La pelle maschile, rispetto a quella femminile, ha una struttura differente per via della presenza del testosterone e si presenta più spessa, grassa, acida, resistente, compatta e tende a invecchiare più tardi ma in maniera più rapida…
In entrambi i sessi, il processo di invecchiamento cutaneo, al raggiungimento di una certa età, si innesca nel derma il quale inizia una vera e propria fase di declino perdendo spessore, turgore ed elasticità ma può anche essere provocato precocemente a causa di un’eccessiva esposizione ai raggi UV

La pelle – funzioni:

La pelle è il primo organo umano che ogni giorno viene a contatto con l’ambiente esterno e per far sì che si mantenga in salute è importante trattarla nella maniera più adeguata e mantenere intatte le sue funzioni, che sono:

  • Funzione meccanica che difende gli organi interni da urti etc., blocca la perdita di liquidi e l’ingresso di microrganismi o sostanze nocive;
  • Funzione pigmentaria che, grazie alla melanina, protegge dai danni dei raggi ultravioletti;
  • Funzione termica che, tramite la termoregolazione, avvia il fenomeno della sudorazione;
  • Funzione sensoriale che avviene grazie alle numerose terminazioni nervose contenute al suo interno;
  • Funzione immunologica o barriera nei confronti di batteri dannosi e malattie;
  • Funzione metabolica di sintesi della vitamina D;
  • Funzione respiratoria che permette di assorbire ossigeno ed anidride carbonica che si diffondono nel corpo;
  • Funzione di assorbimento di sostanze idrosolubili, lipidiche o farmaci utili all’organismo.

La pelle – tipologie:

MisterDomain.EU

Il bagaglio genetico di ogni persona ed il contatto con l’ambiente spesso generano fenomeni che possono modificare l’aspetto ed alterare le funzionalità della cute di ogni soggetto, per questo si determinano i vari tipi di pelle o biotipi:

  • La pelle normale si presenta liscia, compatta, distesa, dal colorito roseo ed è molto equilibrata;
  • La pelle secca è quella che, per vari motivi, è priva di idratazione e presenta zone opache screpolate, arrossate, poco toniche, poco flessibili ed ipercheratosi;
  • La pelle grassa, al contrario, risulta lucida a causa del lavoro eccessivo delle ghiandole sebacee e può presentarsi più untuosa con pori visibilmente dilatati o più cerosa a causa di una presenza importante di comedoni, punti neri o acne;
  • La pelle mista solitamente presenta aree di pelle secca (guance e contorno occhi) ed una zona T (fronte, naso e mento) a tendenza grassa;
  • La pelle sensibile o con couperose è caratterizzata da arrossamenti più o meno evidenti, frequenti e permanenti a causa di un’eccessiva dilatazione dei vasi sanguigni, sbalzi termici, reattività ed allergie;
  • La pelle matura, infine, è quella soggetta al processo di invecchiamento cutaneo che ti ho descritto prima in cui sono evidenziate rughe, occhiaie e borse pronunciate.

Per riconoscere il proprio si può valutare il grado di untuosità applicando una carta assorbente sul viso, osservare le caratteristiche della cute con una lente d’ingrandimento oppure fare degli esami strumentali accurati da uno specialista…

Detto questo, per mantenere la pelle in salute è necessario pulirla, idratarla quotidianamente e seguire una pulizia più profonda a cadenza periodica secondo le necessità personali…
Iscriviti al blog e continua a seguirmi perché nei prossimi articoli della sezione TOPICS ti fornirò le informazioni necessarie per riuscire a scegliere i cosmetici che soddisfano al meglio le tue necessità
Spero che il mio approfondimento ti sia stato d’aiuto,
A presto!

Feedback

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: